Mavment Blog

porsche limousine

Porsche limousine, le Porsche che non ti aspetti

Porsche limousine, le Porsche che non ti aspetti

Nel mondo di Porsche, come abbiamo visto per esempio coi trattori Porsche, esistono numerosi progetti di veicoli a quattro (o più) ruote, capaci di stupire anche i più profondi conoscitori del marchio. Quello che non esiste, almeno stando a quanto si può trovare sui libri di storia, è il progetto di una Porsche limousine. Probabilmente, una vettura del genere non avrebbe rispettato gli elevati standard imposti dal fondatore della casa, Ferdinand Porsche, oppure non è mai stata avvertita un’esigenza di questo genere. Fatto sta che, a oggi, dalle linee di produzione di Stoccarda non è mai passata una limousine Porsche. Eppure, queste vetture esistono. Sono utilizzate per vari scopi, ma, senza svelare oltre, andiamo a scoprire le limousine col marchio di Stoccarda.

Le limousine Porsche: scherzo o colpi di genio?

Difficile a credersi, eppure il termine limousine è in realtà una parola tedesca con cui vengono semplicemente indicate le berline. La nostra idea comune di limousine, tuttavia, è legata essenzialmente alle immagini che, spesso, abbiamo potuto vedere nelle produzioni cinematografiche hollywoodiane, dove vetture dal tipico gusto a stelle e strisce fanno sfoggio di incredibili passi allungati. Questa, almeno, è la principale delle caratteristiche di una limousine, ma evidentemente non l’unica. Trattandosi di automobili destinate a persone particolarmente facoltose, spesso, possono contare su optional di lusso: interni degni di un salotto, schermi, bar, telefoni satellitari e molto altro ancora. Veri e propri uffici su ruote, dove i business man di un tempo – quando ancora non esisteva lo smart working – potevano operare come dietro alla propria scrivania.

La moderna funzione delle limousine, tuttavia, è leggermente diversa. Specialmente dalle nostre parti, infatti, le limousine sono prevalentemente automobili di rappresentanza. Vetture, per lo più affittate, che hanno l’obiettivo di intrattenere e stupire. Ecco, quindi, che le moderne limousine, più che uffici, rappresentano per lo più discoteche viaggianti, con ampi salotti e impianti stereo da centinaia di Watt. Poteva sfuggire a questa moda il marchio Porsche? Ovviamente no. Chiaramente, non si tratta di automobili ufficiali della casa costruttrice, ma di adattamenti realizzati da aziende private, che allestiscono normali vetture di serie per renderle delle vere e proprie limousine. Ecco, allora, qualche esempio di Porsche limousine.

Porsche limousine Panamera: nove posti e due ali da gabbiano

Se è vero che la parola limousine arriva dalla Germania, la prima casa a realizzare Porsche limousine non poteva che essere tedesca. Si tratta della Stretch Cars, che, partendo da una Porsche Panamera, hanno realizzato un’automobile in grado di ospitare ben nove occupanti. L’allungamento, tuttavia, non era sufficiente a rendere questa automobile speciale, secondo gli standard dell’azienda: per garantire l’accesso, infatti, sono state installate due portieri ad ala di gabbiano. Gli interni, invece, sono stati allestiti con divani degni di un soggiorno di lusso, schermi a LED e luci per ricreare l’ambiente giusto. Costo dell’automobile, che peraltro può vantare un motore V8 da 4,8 litri e 400 CV di potenza massima, 315.350 euro.

Quella di Stretch Cars, tuttavia, non è l’unica Panamera limousine. Anche lo storico preparatore Ruf, infatti, ha realizzato una versione allungata della Panamera destinata al mercato cinese. Grazie alle cure dell’azienda, infatti, la Panamera ha acquistato 40 centimetri, portando così la lunghezza totale a 5,37 metri. Per compensare l’inevitabile aumento di peso, inoltre, Ruf ha provveduto ad aumentare anche la potenza massima fino a 420 CV e la coppia a 510 Nm.

La rara Porsche limousine 356, diventata automobile da matrimonio

Prima che urliate allo scandalo, una premessa: la Porsche 356 in questione era messa piuttosto male, probabilmente più destinata alla rottamazione che a un recupero conservativo. Siamo tutti d’accordo, però, che neanche questo può giustificare un tale scempio alla creatura più amata da Ferdinand Porsche. Fatta questa premessa, e messi da parte i sentimentalismi, passiamo a parlare della Porsche limousine 356. Il suo proprietario, il collezionista di automobili John Dixon è proprietario di numerose Porsche d’epoca. In questo caso, però, ha deciso di realizzare un’automobile particolare, in occasione del matrimonio della figlia: una limousine Porsche.

Il modello, una 356 pre-A uscito dalle linee di produzione nel 1953, e venduto per la prima volta in Francia. Sbarcato negli Stati Uniti d’America, quindi, è stato oggetto di una cura particolarmente drastica. L’automobile, pur preservando le linee di frontale e posteriore, è stata infatti allungata di ben cinque metri, consentendo così di installare ben quattro portiere. Completata la trasformazione, Dixon ha quindi disposto una cura anche per gli interni, dove moquette e radica hanno trasformato l’automobile rendendola un piccolo salotto su ruote, dotata anche di frigobar. In virtù del considerevole aumento di peso è stato necessario rivedere anche il propulsore: al posto dell’originale motore della 356, quindi, è stato installato un motore boxer derivato dalla Porsche 912. Questa automobile, unica nel suo genere, è stata quindi messa all’asta e, secondo le stime, il suo valore si dovrebbe aggirare intorno ai 250 mila euro.

Porsche limousine Cayenne: la più grande delle limousine Porsche

Poteva mancare da questa lista la Porsche Cayenne? Poteva, e forse sarebbe stato meglio, ma purtroppo non è così. Anche perché, fedele al successo che l’automobile ha riscontrato in termini di pubblico, di Porsche limousine Cayenne ce ne sono e nemmeno poche. E quelle da trasformare in limousine, evidentemente abbondano, così come abbondano coloro i quali farebbero follie per acquistare un’automobile del genere.

Volete un esempio? La Limousine World, azienda specializzata in questo genere di trasformazioni, consente di realizzare una limousine Porsche partendo proprio dalla Cayenne. Si tratta della Premier Pullman Porsche Cayenne S, nome che dice già molto del risultato finale. Partendo da una Porsche Cayenne S, infatti, si procede a un allungamento di 135 centimetri. Gli interni, ovviamente, rispondono alle esigenze di questo genere di automobile: pelle a profusione, schermi a LED, frigobar e ogni altro genere di comfort si possa immaginare per una vettura destinata a politici, diplomatici, famiglie reali e dirigenti di aziende. Non a caso, i vetri posteriori sono oscurati per tutelare la privacy dei trasportati. Per il resto, l’automobile conserva il suo motore V6 biturbo da 3,6 litri e 420 CV di potenza massima, che, in accoppiata con il cambio da otto rapporti, consente comunque di spingere adeguatamente questa mastodontica limousine Porsche.

 

Come avete potuto capire, non esiste limite alla creatività. Scavando tra i meandri della rete, è possibile trovare davvero di tutto. Volutamente, ci siamo fermati prima di incappare in qualche Porsche limousine 911, che avrebbero definitivamente rotto l’argine della sopportazione. Se invece voi siete tipi dallo stomaco forte, non vi resta che mettervi alla ricerca. Una sola raccomandazione: se doveste trovarla, usateci la gentilezza di non farcelo sapere.

Foto in copertina: www.seschauffeurs.co.uk.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x