Mavment Blog

aste porsche

Aste di Porsche: le auto più desiderate dai collezionisti – parte seconda

Nella classifica delle Porsche all’asta, il modello più caro finora di cui abbiamo parlato finora è stata la Porsche 959 Komfort, venduta a 1,65 milioni di euro. Se credete che la quotazione di questa asta Porsche sia elevata, in realtà, non avete ancora visto nulla. Continuate a leggere per vederne di belle.

Aste di Porsche: i modelli dei record

Le aste Porsche, per chi ama questo genere di veicoli, sono un momento quasi agonistico. Non a caso, nel corso del tempo, le Porsche sono diventate desiderabili al punto di raggiungere quotazioni stratosferiche. Vediamo qual è la Porsche all’asta più cara di sempre, finora.

Porsche 911 930 turbo di Steve McQueen

porsche 911 930

Come visto, le automobili possedute da personaggi famosi acquisiscono valori ancora più elevati di una stessa automobile di proprietà di un anonimo. Questo è vero anche per le Porsche all’asta. Nella fattispecie, per la Porsche 911 930 Turbo il suo valore è arrivato addirittura a decuplicarsi in virtù del suo precedente proprietario. La Porsche 911 930 Turbo, infatti, venne immessa sul mercato nel 1975. Il suo motore da 2.994 cm3 era sovralimentato da un turbocompressore che le consentiva di sviluppare una potenza di 260 CV e di raggiungere una velocità massima di 251 km/h. L’automobile non era fulmine di guerra nello 0 – 100 km/h per via del turbo lag, ma possedeva un allungo impressionante nello 0 – 200 km/h. Questo la rende una delle Porsche d’epoca più desiderate al momento.

Di certo era una delle automobili più desiderate quando uscì. Fra le “vittime” del suo fascino, infatti, vi fu anche l’attore Steve McQueen. Ed è proprio dell’asta della sua Porsche che andremo a parlare. Ordinata nel 1976, quattro anni prima della sua tragica morte, questa 911 930 Turbo è diventata un cimelio vero e proprio. Successivamente, infatti, l’automobile è passata nelle mani di Dean Paul Martin, figlio del cantante Dean Martini. La Porsche 911 930 venduta all’asta di Mecum Auction in California? Tenetevi forte: 1,75 milioni di euro.

Porsche 911 Turbo 993 Project Gold

porsche 911 project gold

Un altro fattore che può spingere verso l’alto le quotazioni di una Porsche all’asta, oltre ai precedenti possessori, sono certamente i progetti benefici. È il caso della Porsche 911 Turbo 993 Project Gold. Questo modello, unico nel suo genere, si basa su una Porsche 993 Turbo, basata su un motore sei cilindri da 3,6 litri e 450 CV di potenza. L’automobile, poi, è stata completamente restaurata e riverniciata con una tinta del tutto particolare: il Golden Yellow Metallic. Gli interni, invece, sono rimasti nella loro colorazione originale nera.

Quello che ha fatto la differenza, in questo caso, è stato lo scopo dell’asta. Il ricavato della vendita, infatti, è stato completamente devoluto alla Ferry Porsche Foundation. Una fondazione che si occupa di attività educative, sportive, culturali, sociali e di ricerca a Stoccarda e Lipsia. Questo ha spinto le quotazioni di questo esemplare unico molto in alto: l’auto, infatti, è stata battuta ad Atlanta per la bellezza di 2,7 milioni di euro.

Porsche 550 A Spyder

porsche 550 spyder

La Porsche 550 Spyder, al pari della 356, è una delle automobili più iconiche del marchio Porsche. Per questo, quando si parla di questa vettura, c’è sempre da aspettarsi sorprese. La 550 Spyder, infatti, è stata l’automobile che ha regalato le prime (e importantissime) soddisfazioni alla casa di Stoccarda in ambito sportivo. Non a caso l’automobile fu soprannominata Giant Killer. Porta su di sé, però, anche un altro nome: Little Bastard. Fu il nome che le diede James Dean. E proprio a bordo di questa temibile macchina, purtroppo, l’attore hollywoodiano trovò la morte.

L’esemplare di Porsche all’asta, messo in vendita nel 2018 dalla casa d’asta Bonhams, è in particolare il telaio numero 0145, uno dei 46 costruiti dalla casa tedesca. Il primo proprietario di questo modello del 1958 fu il conte Carel Godin de Beaufort, che partecipò a diverse gare riuscendo persino a vincere la Mille chilometri del Nürburgring e il secondo posto alla 24 Ore di Le Mans. La vita sportiva dell’automobile ha continua ad arricchirsi, ma, conclusa questa esperienza, la 550 Spyder è stata sottoposta a restauro nel 1961.

L’automobile è stata battuta all’asta da Bonhams nel 2018 per l’incredibile cifra di 5,1 milioni di dollari, corrispondenti a 4,2 milioni di euro, premio d’asta incluso.

Porsche 959 Paris-Dakar

porsche 959 paris dakar

Un altro segmento di automobili particolarmente ambito nelle aste di Porsche è quello delle Porsche da competizione e, in questo ambito, rientrano anche le Porsche da rally. È il caso della Porsche 959 impiegata nella Parigi-Dakar del 1985. L’automobile, dotata del telaio n. 010015, è stata guidata per tre volte dal vincitore della competizione, René Metge. Un’automobile capace, con il suo motore aspirato a sei cilindri e due turbo, capace di prestazioni ai vertici. Non a caso, con essa lo stesso René Metge e Dominique Lemoyne la portarono alla vittoria assoluta, mentre Ickx e Claude Brasseur ottennero il 6° posto assoluto.

Della 959 Parigi-Dakar ne furono costruiti solamente sette esemplari. Quattro di questi, allo stato attuale, sono posseduti da Porsche. Questo non ha fatto altro che aumentare le quotazioni dell’automobile, messa in vendita nel 2018 da RM Sotheby’s, in occasione del 70° anniversario di Porsche. Prezzo di vendita per questo esemplare più unico che raro? Solamente – si fa per dire – 5,9 milioni di euro, che nel conio europeo corrispondono a circa 5,2 milioni di euro. La più cara di sempre? Forse.

Porsche Type 64

Porsche Type 64

La Porsche Type 64 ha tanti nomi. Del resto, l’automobile è stata concepita quando la fabbrica del progettista tedesco ancora non esisteva. Nata per realizzare un coupé, la Type 64 in realtà condivideva molto con il Volkswagen Maggiolino e, per certi versi, era la progenitrice della Porsche 356. Nello specifico, il modello messo all’asta è l’unico dei tre esemplari interamente realizzati a mano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *